Procedure per l’ingresso alle Azzorre (Luglio 2021)

A partire dal 1 luglio 2021, tutti i passeggeri in viaggio verso o all’interno delle Azzorre, titolari del Certificato Verde Digitale COVID 19, rilasciato dalle autorità del proprio Paese, non dovranno più effettuare  il tampone molecolare prima della partenza. Vengono altresì aboliti il tampone obbligatorio in corso di viaggio e quello rapido 48 ore prima del rientro in Italia. 

Restano invariate le procedure per coloro che non sono in possesso del Certificato Verde Digitale.

Effettuazione del test SARS-CoV-2, metodologia RT-PCR, entro le 72 ore prima della partenza. Il test deve presentare esito NEGATIVO e sul documento deve essere riportato il nome e cognome della persona, la data del test, l’indicazione del laboratorio medico, la firma del responsabile e una delle seguenti diciture: “nasopharyngeal o oropharyngeal swab”, nasopharyngeal o oropharyngeal exudate”, “respiratory sample”o “respiratory exudate”.  Il test deve essere presentato al check-in del volo in forma cartacea o supporto digitale. In lingua inglese o portoghese. Senza tale documento al passeggero verrà rifiutato l’imbarco.

Ai passeggeri sotto i 12 anni è consentito l’ingresso alle Azzorre anche senza il test SARS-CoV-2.
Si richiede la compilazione del questionario on line, “Azzorre in Sicurezza”, prima della partenza, una volta ottenuto l’esito negativo del test. (compila)

Tutti i viaggiatori che si fermeranno 7 o più giorni nell’ arcipelago saranno sottoposti ad un ulteriore test Sars-CoV-2, il 6° giorno. Nel caso il secondo test fosse positivo, il passeggero dovrà effettuare un periodo di quarantena di almeno 14 giorni, a spese del Governo delle Azzorre. Il test al 12° giorno per chi si ferma due settimane è stato abolito.

All’ arrivo in aeroporto, compilazione della “Dichiarazione di arrivo alle Azzorre” e “Dichiarazione di spostamento fra le isole”, qualora durante il soggiorno si visitassero più isole dell’ arcipelago.

Per il rientro in Italia è necessario sottoporsi ad un tampone molecolare o test rapido nelle 48 ore prima del ritorno.

Prima di rientrare in Italia è necessario compilare il Passenger Locator Form digitale (dPLF) europeo, indipendentemente se si è o no vaccinati (compila).